Annalisa Barera

Etichette mangimi in commercio

In questa semplice guida cercheremo di far capire come analizzare una etichetta dei mangimi più diffusi che possiamo trovare nei negozi specializzati.In questo modo riusciremo a comprendere la qualità del prodotto somministrato,questo ci sara’ utile per capire che tipo di mangime somministrare ai nostri amici pinnuti a seconda della specie ma sopratutto delle fasi della loro vita che sia la crescita,il mantenimento o la riproduzione.

etichetta mangimeesempio di etichetta su barattolo di mangime

 

 

ESEMPI DI MANGIMI IN COMMERCIO E STUDIO DELLE ETICHETTE

n. 1
Descrizione: mangime base completo per tutti i pesci
Lista degli ingredienti: farina di pesce, farina di frumento, lievito di birra, caseinato di calcio, uovo intero in polvere, farina di gammarus, olio di fegato di merluzzo, spirulina, erbe aromatiche, erba medica, farina di mollusco, alghe marine, prezzemolo, peperoni,spinaci, aglio, carote.
PROTEINE GREZZE  46,20%
LIPIDI GREZZI  8,9%
CARBOIDRATI
CENERI  11,9%
FIBRE  2,3%
UMIDITA’  6,7%

La descrizione ci indica un alimento completo che può essere utilizzato per quasi tutti i pesci, o almeno quelli che non hanno esigenze particolari. In effetti, andando a guardare la lista degli ingredienti, a parte la farina di frumento in seconda posizione, sembra un alimento con un buon apporto proteico. La farina di frumento in seconda posizione indica un alta percentuale di carboidrati, che infatti il produttore omette di segnare. Sicuramente sarà una alimento che non si disintegra subito in acqua e mantiene l’acqua limpida, e in effetti molti degli alimenti che ho studiato hanno indicato sulla etichetta un fantomatico brevetto acqua limpida. Ma dobbiamo essere consapevoli che stiamo dando ai nostri pesci un alimento che ha , togliendo le altre percentuali, probabilmente il 24 % di carboidrati, che non sono facilmente digeribili. Bisogna anche osservare la quantità di umidità, in quanto più è elevata più il cibo è soggetto a deterioramento e a parità di peso conterrà meno nutrienti. Accanto ad ingredienti di qualità come l’uovo e la spirulina, troviamo il caseinato di calcio che è un integratore proteico che viene utilizzato anche in campo umano, ma non so sinceramente quanto possa essere utile per un pesce, in quanto serve a ritardare il tempo di digestione. Cosa che si ottiene in modo più appropriato con un giusto apporto di fibre.

 

n. 2
Descrizione: accentua la colorazione naturale dei pesci.
Lista ingredienti: farina di pesce, farina di frumento, germe di frumento, lievito di birra, spirulina, erbe aromatiche,.caseina.

PROTEINE GREZZE  36,4 %
LIPIDI GREZZI  5%
CARBOIDRATI
CENERI 8,5%
FIBRE  4,1%
UMIDITA’  5,2%

Questo alimento è consigliato per pesci rossi e pesci di acqua fredda perché è ad alto contenuto di carboidrati (circa il 40 %)che servono ai pesci per l’apporto energetico necessario, in quanto appunto vivono in acque fredde. Leggendo il resto dell’articolo avrete penso chiaro come sia un concetto assolutamente sbagliato. Al massimo, se anche fosse vero che i pesci di acqua fredda hanno bisogno di maggiore energia (ma non essendo animali a sangue caldo, non ne sono sicura), sarebbe meglio un alimento con maggiore quantità di grassi e non certo di carboidrati, visto che non utilizzano il glicogeno come riserva di energia! Viene anche indicato come un cibo ricco in spirulina, ma questa non si trova tra i primi ingredienti.

 

n. 3
Descrizione: alimento premium, di alta qualità
Lista ingredienti: farina di pesce, germe di grano, farina di alghe marine, amido di grano, glutine di grano, spirulina, calcio caseinato, ortica, erba medica, spinaci, farina di krill, farina di zooplankton, Cyclops liofilizzati, gamberetti liofilizzati, larve di zanzare liofilizzate.

PROTEINE GREZZE 46,2%
LIPIDI GREZZI 8,9%
CARBOIDRATI
CENERI 11,9%
FIBRE 2,3%
UMIDITA 6,7%

Questo prodotto è considerato di alta qualità, e in effetti nella lista ingredienti troviamo varie ottime fonti di proteine come la farina di krill, di zooplankton, le larve di zanzare e I Cyclops e I gamberi liofilizzati. Però se si osserva bene la lista di ingredienti questi sono messi in fondo alla lista, evidenziando che sono presenti, ma in piccolissime quantità. Mentre come sempre I carboidrati sono all’inizio della lista. Se andiamo ad estrapolare la percentuale di carboidrati infatti, non si discosta molto da quella presente in un alimento base,e lo stesso vale per la percentuale di proteine. La lista quindi potrebbe trarne in inganno e far pensare ad un cibo con ingredienti eccellenti, ma in realtà sono presenti in piccolissime quantità.

 

n. 4
Descrizione: alimento premium, di alta qualità
Lista ingredienti: pesci e sottoprodotti dei pesci, estratti di proteine vegetali, cereali, oli e grassi, molluschi e crostacei, alghe, latte e derivati, sotanze minerali, zuccheri, vitamine.

PROTEINE GREZZE 46%
LIPIDI GREZZI 12%
CARBOIDRATI
CENERI 11%
FIBRE
UMIDITA 8%

Ho inserito un altro mangime premium, ma di una ditta diversa per confrontarlo col precedente. In questa composizione la lista degli ingredienti è più generica, ma le fonti proteiche sia animali che vegetali vengono prima dei cereali, anche se poi andando a guardare la percentuale dei nutrienti, le proteine hanno la stessa percentuale del precedente prodotto. Sono presenti I lipidi in maggiore quantità, indicati con la presenza di oli e grassi (di pesce?), e quindi si tratta di un alimento con un buon apporto energetico. Da notare che l’umidità è piuttosto alta e questo va a sfavore dell’apporto nutritivo per peso di prodotto ingerito dal pesce.

 

n. 5
Descrizione: mangime per erbivori, un concentrato di spirulina in ogni boccone.
Lista ingredienti: pesci e sottoprodotti dei pesci, cereali, estratti di proteine vegetali, molluschi e crostacei, oli e grassi, alghe (spirulina max 1 %), sottoprodotti di origine vegetale, latte, zuccheri, sostanze minerali, lecitina, acido citrico, L-carnitina, coloranti CE.
Non c’è una tabella delle percentuali dei nutrienti, ma leggendo la lista degli ingredienti si nota la massiccia presenza di sostanze di origine vegetale, il che va bene visto a quale tipo di pesci è destinato il prodotto. Va però ricordato che I pesci erbivori hanno anche bisogno di proteine animali, che sono più ricche di amminoacidi essenziali. Il prodotto viene pubblicizzato come un concentrato di spirulina, ma se osserviamo la lista, la spirulina si trova al sesto posto e insieme a non specificate alghe ed è anche sottolineato che si trova ad una concentrazione massima dell’1% nella miscela. Per curiosità ho guardato altri prodotti della stessa marca e c’è un mangime sempre per pesci erbivori, ma di fondo, che contiene il 5,9 % di spirulina. Allora perchè questo viene pubblicizzato come un concentrato della stessa? Per chi volesse dare la spirulina ai propri pesci in maggiore concentrazione dovrebbe leggere le etichette e non la pubblicità!

Un ringraziamento particolare allo staff del negozio Pet-Food di Albignasego (PD) per la loro professionalità e disponibilità e per avermi permesso di scrivere al meglio questo articolo.

 

Articolo scritto da Annalisa barera
©www.acquariofili.com
 

Annalisa Barera

“Laureata in Sc. Biologiche indirizzo Ecologico, pur avendo intrapreso la strada della ricerca in campo biomedico (Dott. In Immunofarmacologia e Specializzazione in Patologia clinica), ha sempre mantenuto il suo interesse verso il mondo animale in generale. Ha iniziato con articoli di acquariofilia, per continuare con studi sull’alimentazione moderna degli animali da compagnia. Ha anche trascorso un periodo di tre mesi presso un centro di recupero della fauna selvatica (IECOS DO CERRADO) nel Tocantins (Brasile) per studiare l’alimentazione e la gestione degli animali selvatici. Oggi si occupa di alimentazione naturale mettendo a punto strategie alimentari che utilizzino alimenti freschi e che rispettino le caratteristiche proprie delle specie animali in cattività.”

Inserisci un commento